I love Polyvore

venerdì 22 ottobre 2010

Icone del maximalismo
















Anche per la moda è un periodo grigio: pauperismo, negatività, crisi si traducono spesso in un triste minimalismo forzato. Evviva il maximalismo!!! In questa delicata congiuntura economica dobbiamo ringraziare l'ottimismo di alcune icone fashion, che in alcuni casi si tramutano in moderni mecenati dell'arte della moda. Basti pensare a Anna dello Russo, direttrice di Vogue Japan nonché musa ispiratrice degli stilisti più creativi. La signora della moda è una collezionista accanita, che accumula abiti e look completi in un elegante appartamento accanto a quello in cui vive. La regina del massimalismo per antonomasia celebra la moda indossando i capi più avveniristici e sopra le righe, come il completo di Roksanda Ilincic con la giacca decorata da maxi spalle di piume, che la rende un elegante angelo nero. Solo lei, oltre alla sottoscritta, avrebbe osato un outfit del genere!! Adorabile!!














Louis Vuitton, Moschino, Ferragamo e il tendy festih Christian Laboutin devono ringraziare Dita Von Teese che con la sua grazia da diva anni 50 incarna il sex symbol perfetto per comunicare la Femminilità con la F maiuscola, quella allure che la maggior parte delle donne moderne temono. ( e che gli uomini invece adorano!!)
Tacchi a spillo dalle suole rosse fuoco, bustier strizzati in vita, abiti sinuosi a sottolineare forme perfette: il burlesque insegna.




















E come non citare la popstar Lady Gaga?
La giovane cantante è diventata icona del mondo gay per la sua passione smodata per l'immagine e per la moda importabile.
Chi meglio di lei può indossare con disinvoltura le creazioni fitomorfiche di Alexander Mc Queen?

Nessun commento: