I love Polyvore

giovedì 30 settembre 2010

Milano Moda Donna 2011: i must have secondo GioHunting

Il sipario è già calato sulla capitale della moda italiana, ma l'emozione per la movida milanese e l'entusiasmo per i riflettori dei catwalk sono ancora vivi.
Alcuni stilisti hanno avuto su di me una sorta di effetto adrenalico, che non accenna proprio ad abbandonarmi.

Prima di spostare l'attenzione al fermento di Parigi, voglio segnalare quelli che secondo me hanno tutto il merito di essere eletti i must Have della primavera estate 2011 tratti dalle passerelle di Milano Moda Donna.
Grande effetto bianco nero con stilemi ripescati dalla classica eleganza dello smoking per DSquared2, che hanno mandato in diretta streaming un nuovo modello di equilibrio tra maschile e femminile, non senza una simpatica e irriverente ironia.















Pizzi e merletti sono troppo melensi?
Se proprio non possiamo farne a meno, meglio rivisitarli con un tocco di grinta animalier!
Dolce&Gabbana lo sanno bene che anche il maculato ormai è diventato un intramontabile classico della moda.




Una borsetta mi ha colpito tantissimo, quando l'ho vista da lontano mi è parsa la mitica 2.55 di Chanel. Ma per poco non mi prendeva un mancamento, visto che eravamo sul catwalk di Moschino!!!
Mistero presto svelato: a decorare la patta della borsetta, al posto della originale pelle matelassé un metro da sarta usato come passamaneria. Geniale e dissacrante. La voglio!!!

Ho poi focalizzato gli occhi (che sono rimasti abbagliati) sull'abito di Prada, che ha uno stile difficile da definire: il volume delle maniche ricorda un kimono, ma la vera novità è la stampa a righe orizzontali nere e arancio.
E per spezzare l'effetto optical? Grottesche ispirate al '500 (omaggio forse a Versace?) che decorano il capo come affreschi in trompe l'oeil.
Indossato con occhialoni cyber anni '50, il mix è davvero esplosivo!

Dsquared2 si ispira a GioHunting

Dsquared2 a Milano ha lasciato il segno, come al solito denso di sex appeal e ironiche allusioni.

Ma il pezzo forte è il Borsalino di paglia, che il duo Dean e Dan ha proposto sugli outfit da giorno.

Non è che i due creativi per caso erano a Ibiza quest'estate???...

Probabilmente devono avere intercettato GioHunting e averla elevata a inconsapevole musa di stile per la primavera estate 2010!

GioHunting presidiando i locali ibizenchi, aveva già anticipato il loro mood!!!

Credo che a questo punto l'ignara icona fashion potrebbe quantomeno reclamare i diritti d'autore!!!

mercoledì 29 settembre 2010

Victoria Beckham e Gwen Stefani: le donne della musica disegnano la moda

Da sempre la moda veste le icone della musica, basti pensare ai favolosi anni 80 in cui un lungimirante Versace ha visto le grandi potenzialità mediatiche del felice connubio siglando il look di star come Madonna e Prince.




Da allora il percorso ha subito grandi evoluzioni, fino ad arrivare al fenomeno di oggi: i cantanti disegnano la moda.


Posh Spice, nonché moglie del calciatore sex-symbol più pagato e chiacchierato del mondo, ha debuttato da qualche stagione come stilista, disegnando una linea che oltre a portare il suo nome incarna appieno il suo stile sexy, raffinato e bon ton.


New York le modelle hanno sfilato come tanti cloni di Victoria Beckham, in un set fashionsta per eccellenza:
l'appartamento dove Carrie nelprimo film di Sex and The City sarebbe dovuta andare a vivere dopo il matrimonio.



Scelta molto intima e chic, che evoca chiaramente la filosofia del brand.

La collezione primavera-estate 2011 di Victoria è intrisa degli elementi cari alla ex-cantante, dalle sete fluttuanti, agli abiti dal taglio asciutto e avvolgente, fino alle zip che campeggiano sul retro di tubini iperfemminili tutti concepiti in colori pieni.

Dal viola al cipria, dal nero al bianco, fino al giallo ocra, tutti i colori sono rigorosamente monocromatici a sottolineare il design dei capi.


E che fine ha fatto la rokkeggiante leader dei No Doubts? Ora disegna la linea L.A.M.B., acronimo di Love Angel Music Baby (che letto di seguito si traduce con "agnello") che dà il nome anche a un disco che è valso a Gwen Stefani ben 5 Grammy Awards.


La bionda rock star dal 2005 calca le passerelle della moda con il suo stile crazy-fun, ispirato alla MTV generation che ama mixare gli stili dalla stamoa anni 70, al maculato super sexy fino alla tuta fluo con cappuccio da indossare con colori a constrato e t-shirt stampate.


La collezione primavera estate 2011 prevede Borsalino di paglia indossato su abiti destrutturati dalle stampe etniche o dal sapore gipsy, oppure su composé in tartan con hot pants esasperati da sandali con plateau dalla linea aggressiva.


Quali saranno le prossime note fashioniste delle pop star???

Non resta che seguire le loro gesta, da MTV alle passerelle più esclusive.

martedì 28 settembre 2010

Philippe Plein arriva in Chiesa















Lo stilista tedesco debutta nel quadrilatero Milanese e presenta la sua collezione primavera-estate 2011 in una chiesa sconsacrata del XVI secolo.


Di certo la Fondazione Metropolitana, affrescata dal maestro Antonio Campi, è una location cdal sapore gotico che non passa inosservata e comunica perfettamente la filosofia di lusso sofisticato, dissacrante del designer.


Non è un caso se il designer ha riscosso gli applausi di un'incantato parterre di giornalisti internazionali.
La donna di Philippe Plein è sexy, ha una allure rock che richiama dive maledette come Courtney Love.


Le stampe a teschio, sono un leit motiv della collezione: decorano da un lato voluttuosi e fluttuanti abiti di georgette écru dal taglio romantico, dall'altro campeggiano ton sur ton su jeans skinny dall'effetto vissuto, come a volere essere un tributo al genio scomparso Alexander McQueen.

Il look proposto è originale e post-moderno, un sapiente mix tra romantico e femminile intriso di dettami punk. Trafori al laser effetto sangallo conferiscono un tocco bon ton biker di pelle nero, un must della cultura punk. Sandali con plateau da 15 cm incrostati di swarovsky e fibbie gioiello, rendono sensuale e elegante anche il più aggressivo leggins in vero pitone stretch.


La collezione è forse una celebrazione della storia della moda?
Intrisa di citazioni e déja vu più o meno inconsapevoli, dipinge la solita donna metropolitana che vuole osare ed è cosciente delle proprie armi. L'ennesima femme fatale.

sabato 25 settembre 2010

Arte in testa

Ho sempre affermato di avere l'arte in testa, ma non sempre mi è stato possibile dimostrarlo, perchè spesso apparivo molto simile a una semplice impiegata modello Signorina Silvani con gli occhiali in stile ragionier Filini.

Ultimamente ho scoperto che non c'è bisogno di tante belle parole elevate, di erudite citazioni di Dégas o Délacroix per comunicare la mia passione. Basta indossarala.
Benoit Missolin ha creato cappellini piumati, ispirati ai Lego technics, interamente croqué o in pitone.

Mentre Après-midi propone romantiche velette dal sapore vintage dai colori pastello, realizzati con sete preziose e delicati fiori in tessuto, ideali copricapi per moderne signore che amano la grazia dell'antico bon ton interpretato in chiave frizzante.
E quando ho voglia di dolci senza intaccare la linea (e sono pronta a uscire dall'anonimato!!!) mi butto sulle irriverenti "torte da capo" di Hatdicted.



























venerdì 24 settembre 2010

Sfilate pe 2011: donne Ken Shiro

Tra le nuove proposte per la prossima primavera mi ha colpito particolarmente quella dello stilista danese Henrik Vibskov.

In realtà i look da post-apocalisse sono un piuttosto inquietanti: tagli al vivo, costruzioni materiche, cuciture che richiamano incrostazioni minerarie, applicazioni come microrganismi.

L'allure proposta è perfetta per una eroina di Ken Shiro, che nonostante l'apparente crudezza dell'ambiente di ispirazione, non perde la propria femminilità.

I tessuti sono fluidi, gli oufit intrisi della forza positiva della lotta per la sopravvivenza.
La donna di Vibskov indossa occhialini scuri come a volere proteggere gli occhi da eventuali radiazioni, abiti destrutturati rubati al mondo militare, fischietti per richiamare l'attenzione su di sé.


Visto che la fine del mondo si avvicina, forse è meglio prepararsi!!!












giovedì 23 settembre 2010

Who's on Next a Palazzo Morando

Cos'è Palazzo Morando?
Un'atelier voluto dall'Assessorato alla Cultura di
Milano e dedicato al costume e alla moda dove verranno messi in scena, accanto alle loro creazioni, i dieci finalisti di Who is on Next?, il famoso concorso di fashion scouting ideato e organizzato da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia.
I preparativi fervono, così come la curiosità di giornalisti, addetti ai lavori, aziende di moda atratte dalla naturale energia di un'esclusivissima occasione di incontrare direttamente i nuovi talenti che disegneranno il futuro del prêt-à-porter e degli accessori.
Apriamo gli occhi: la moda del domani è già arrivata!













mercoledì 22 settembre 2010

Il Diavolo veste Prada per le strade di Londra


Anticipazioni delle nuove tendenze dalla London Fashion Week.

Parere dell'Anna Wintour di turno???

Vi aspettate i consigli per gli acquisti su moda d'èlite importabile creata espressamente per
finire al Mo.Ma nel 2030!! Siete fuori strada. Sul blog di Elle Uk si possono vedere in diretta i look delle assistenti di redazione!!!


Il capo redattore Lorraine Candy ha un'allure davvero street style nella sua giacchina Marni di panno con taglio geometrico, pant Joseph, borsa in morbida nappa Dior. A spezzare l'effetto all black la signora osa una blusa di chiffon bianco e decolleté Prada in un femminilissimo rosa antico con nappine ton sur ton.

Molto grintosa la fashion editor Anne-Marie Curtis, con giacca zippata di Isabel Marant, camicetta APC in chiffon con fiocco al collo, jeans neri di J brand e Mulberry Bag: tutto nero. Il tocco glamour è dato dalla scarpa Tory Burch in contrasto color panna.


Wow! Che chiccheria camminare così per le strade di Londra!!